• 23 Aprile 2012

BERGAMO – Weekend da ricordare a lungo quello appena passato per il Team Colpack. Due successi, uno sabato con Edoardo Zardini a Longa di Schiavon (VI) accompagnato dal secondo posto di Davide Villella, e l’altro domenica a Castello di Brianza (LC) con l’acuto dello stesso Villella. In entrambe le competizioni è stato un successo di squadra. Ce lo hanno raccontato i ragazzi stessi con il loro entusiasmo sul profilo Facebook della squadra (nella foto Rodella, Villella festeggiato dal team manager Antonio Bevilacqua e dal direttore sportivo Gianluca Valoti).

Gianfranco Zilioli
Schiavon: Grandissima giornata per la squadra. Percorso inizialmente pianeggiante e nel finale invece una salita da ripetere 2 volte. Al primo gpm nei primi 15 corridori c’erano 7 atleti Colpack. Nella seconda salita ho provato ad anticipare solo che mi sono letteralmente impiantato, mentre i miei 2 compagni (Villella e Zardini ) salivano velocissimi. I due hanno preso un vantaggio neccessario per arrivare al traguardo in solitudine, a circa 1 minuto siamo arrivati una quindicina di corridori per il quarto posto ottenuto da Senni. Super giornata perchè nei primi 10 c’erano 5 Colpack.
Fumagali: corsa un po’ più impegnativa con dei mangia e bevi e nel finale il Colle Brianza. Corsa abbastanza regolare e come pronosticato e’ stato il Colle Brianza a fare la differenza, fatto ad un ritmo veramente elevato da Zardini. Appena iniziata la salita mi trovavo troppo indietro, ma con il mio passo sono comunque riuscito a scollinare con pochi metri dai primi e agganciarli in fondo alla discesa. Appena rientrato sapevo già cosa fare, allora con Zardini ho tirato a tutta fino a pochi metri dall’arrivo per permette a Villella di fare lo sprint. Fatica che si e’ trasformata in grandissima felicità perché Villella ha vinto. In fine ho fatto settimo, Zardini ottavo e Colonna decimo.

Fausto Masnada
Schiavon: grande, grandissima squadra!. Partiti con uno splendido sole, il mio compito, dato che sono un giovane, era quello di entrare nelle fughe negli otto giri pianeggianti prima delle salite. La prima ora di corsa è passata ai 48 di media e data l’elevata andatura il gruppo è rimasto compatto, c’è stato solo qualche breve allungo ma eravamo sempre presenti in ogni tentativo. Conclusi gli otto giri, abbiamo imboccato la strada che conduceva alle salite, nonostante avessi speso già un po’ di energie nella prima parte di corsa decido di provare a tenere le prime posizioni del gruppo per prendere la salita davanti e per cercare di scollinare con i primi. Finalmente dopo una quindicina di km su di un percorso vallonato, imbocchiamo la prima salita ed io sono nelle prime dieci posizioni, subito iniziano gli scatti, io cerco di salire regolare e riesco a scollinare con il primo gruppetto formato da una ventina di corridori dei quali 8 di noi! ;). Conclusa la discesa, dato che iniziavo ad essere stanco, provo ad anticipare la seconda salita senza però buoni risultati, a quel punto dato che eravamo in superiorità numerica e che Zardini,Villella e altri compagni si sentivano bene, decido di tirare fino all’ imbocco dell’ ascesa finale. Fatti i primi 300 metri del duro strappo mi sposto e subito allunga Zilio, poi successivamente se ne vanno Villella e Zardini; io stringo i denti e riesco a scollinare subito dietro ai primi 3 con altri 6 e sottolineiamo SEI compagni di squadra ;). Conclusa nuovamente la discesa mancavano solo 7 km all’ arrivo; a quel punto ho capito che nulla avrebbe potuto farci perdere la corsa dato che avevamo Villella e Zardini soli al comando poi un corridore a una trentina di secondi e il mio gruppo, a circa un minuto, nella qua

Leave a comment