Grande Colpack: Toniatti vince a Reda, bene anche al Trofeo Piva
  • 3 Aprile 2016

BERGAMO (BG) – Altra domenica ricca di soddisfazioni per il Team Colpack impegnato oggi su due diversi fronti.

A Reda di Faenza (Ravenna) nella Coppa Caduti di Reda è arrivata la quinta vittoria stagionale su strada della stagione per merito di Andrea Toniatti che ha coronato una grandissima prestazione di tutta la squadra. A decidere la corsa una corposa fuga di 23 atleti nella quale la squadra del presidente Beppe Colleoni, anche oggi in ammiraglia al seguito dei ragazzi, ha inserito ben sette dei suoi uomini. La superiorità numerica ha permesso di tenere sotto controllo la gara fino all’attacco finale. Se ne vanno Andrea Toniatti e Fausto Masnada insieme a Milani della Zalf e a Mosca della Viris. Nel finale Masnada tira a tutto per favorire la vittoria del compagno. Primo Toniatti (che già aveva vinto su questo stesso traguardo un anno fa) e quarto Masnada. Dietro completano la festa Oliviero Troia 5°, Federico Sartor 6° e Davide Orrico 7°.

“Una bella vittoria, una grande prestazione di squadra, siamo molto contenti”, è stato il commento del team manager Antonio Bevilacqua.

REDA0003

L’altro impegno di giornata era quello di Col San Martino (Treviso) con l’internazionale 68° Trofeo Piva. Vittoria del britannico Hart Tao Geoghegan (Axeon), ma la Colpack ha saputo essere grande protagonista.

Nella prima fuga di 15 corridori si inseriscono Filippo Zaccanti ed Umberto Orsini. Ripresi nuovo tentativo di 18 corridori e dentro c’è ancora Orsini con Simone Bettinelli. In seconda battuta rientra sul gruppetto di testa anche Edward Ravasi insieme all’americano Logan Owen. Nel finale restano in cinque a giocarsi la vittoria, ci sono Bettinelli e Ravasi che sull’ultimo strappo pagano un po’ di fatica e chiudono rispettivamente al quarto ed al quinto posto. Corona l’ottima giornata il nono posto di Umberto Orsini (foto Rodella).

Trofeo Piva 2016

Martedì 5 aprile otto corridori parteciperanno al Trofeo Mario Zanchi di Castiglin Fibocchi (Arezzo).

Leave a comment